Archivi per la categoria ‘Utilità web’

Uribu ,social network italiano di denuncia sociale

martedì, 14 febbraio 2012

uribu

Se per te l’abbandono di un cane, il maltrattamento di un disabile, la sosta su uno scivolo del marciapiede o un semplice autista che non rispetta le fermate pubbliche e altri milioni di esempi sono azioni normali, chiudi pure questo sito. In caso contrario se credi che il rispetto, la giustizia siano fondamentali rimani pure e aspetta la nascita di Uribu.Poche parole bianche su sfondo azzurro,si presenta così  il primo social network italiano dedicato alla segnalazione di disservizi pubblici e privati.

Gli ideatori di Uribu sono 4 giovanissimi progettisti,di età compresa tra i 17 e i 23 anni,che si sono conosciuti sul web ed hanno deciso di unirsi nell’additare e denunciare online i trasgressori delle norme che regolano il vivere civile

A partire dal 10 dicembre, il sito – il cui simbolo sarà una civetta (dal francese ”hibou” che significa barbagianni,gufo) – sarà attivo a tutti gli effetti.

Il principio di funzionamento è presto detto:

qualsiasi utente regolarmente iscritto avrà la possibilità di pubblicare video, foto o qualsiasi altro documento in grado di testimoniare un disservizio o un’ingiustizia. Nella convinzione che la pubblicità negativa sul web conduca l’ente, l’azienda o il privato responsabili a provvedere quanto prima ad una risoluzione, così da salvare la propria reputazione.

Prima di ottenere l’adeguata risonanza su piattaforme più frequentate come Facebook e Twitter, ogni segnalazione sarà sottoposta al giudizio della community.

La votazione avverrà attraverso l’attribuzione di un numero variabile, da uno a cinque, “stelline”.

A spingere questi ragazzi a creare Uribu è stato decisivo  il successo riscosso dai segreti diffusi da Wikileaks e proprio come per Wikileaks gli ideatori pensano anche ad un sostentamento attraverso le micro-donazioni degli utenti con Paypal

I server costano ed  anche la gestione del sito, per quanto si cerchi di ridurre al minimo le spese

Uribu si rivolge a chi crede nella possibilità di un cambiamento…

Chissà che questa voglia di rinnovamento si diffonda a macchia d’olio!

  • Share/Bookmark

Socialbot VS Facebook 1-0

giovedì, 17 novembre 2011

Ladri di dati sensibili

4  ricercatori della University of British Columbia di Vancouver sono riusciti a sottrarre 250 GB di dati personali agli utenti di Facebook

Per effettuare la ricerca hanno rilasciato diversi “socialbot” (falsi profili creati a hoc con degli script) all’interno del social network

Il meccanismo è relativamente semplice, il “socialbot” prende il controllo dei profili degli utenti o ne attiva di fasulli, ed apre l’accesso ai dati personali dando la possibilità di eseguire attività come l’invio di messaggi o di richieste varie

In un periodo di otto settimane, 8.570 persone sono state contattate ,ottenedo  3.055  risposte

Complessivamente 46.500 indirizzi email e 14.500 indirizzi, sono stati sottratti dai ricercatori, che con questi dati hanno anticipato i risultati del loro studio in vista  della presentazione all’ ACSAC 2011 Annual Computer Security Applications Conference in Florida

Oltre alla facilità di sottrarre dati personali in modo quasi silenzioso,questa azione ha messo in evidenza quanto gli allarmi automatici del social network si siano dimostrati pigri…
I ricercatori hanno concluso che se un attacco di questo tipo fosse realmente messo in atto, il tasso di successo sarebbe dell’80%

Che dire,meglio non accettare “richieste di amicizia” dagli sconosciuti!

  • Share/Bookmark

ARTPROJECT

giovedì, 20 ottobre 2011

Quando l’arte diventa virtuale

ARTPROJECT nasce dalla collaborazione tra Google Books per la digitalizzazione di un milione di volumi dalle Biblioteche nazionali di Roma e Firenze e Street view per la mappatura delle principali aree archeologiche italiane.

Grazie a questa guida virtuale si possono ammirare gratuitamente 1061 opere d’arte nei minimi dettagli con immagini ad altissima risoluzione ed possibile fare un tour a 360 gradi delle singole gallerie.

Tra gli aderenti attualmente ci sono il MoMA e il Metropolitan Museum (Usa), Tate Britain di Londra, la National Gallery di Londra,l’Hermitage (Russia), l’Altes National (Germania), il Thyssen e il Reina Sofia (Spagna), Versailles (Francia),gli Uffizi e molti altri.

A febbraio 2010, data del suo debutto, il servizio ha totalizzato 10 milioni di contatti in sette giorni e la creazione di più di 70 mila gallerie “private”.

Mario Resca direttore generale per la valorizzazione del Patrimonio Culturale presso il ministero dei Beni Culturali dichiara di essere orgoglioso di aver contribuito al successo di Google Art Project, in collaborazione con Cristina Acidini la soprintendente degli Uffizi attraverso la digitalizzazione della Galleria aggiungendo che dalla data del lancio di Google Art Project, sono cresciuti sia gli incassi sia i visitatori.

Dopo gli statunitensi i maggiori utenti di Art Project sono gli italiani,e la sezione Uffizi ad esempio è stata visitata virtualmente da oltre 1 milione e mezzo di persone

Sembrerebbe che la visita virtuale espandendo la possibilità di conoscenza possa incoraggiare e stimolare la visitita ai musei senza sostituire il piacere di “toccare l’arte con mano”.

  • Share/Bookmark

Tim,futuro di Apple.

giovedì, 6 ottobre 2011

steve jobs 1985

Una notizia per nulla inaspettata

Era l’agosto del 2004 quando il fondatore di Apple rendeva nota la diagnosi di  cancro di cui da quasi un anno era a conoscenza

Steve Jobs, il creatore di Apple si è spento mercoledì 5 ottobre al termine di una lunga lotta contro una rara forma di tumore al pancreas

Il 24 agosto,con una mail inviata ai dipendenti aveva rassegnato le dimissioni da chief executive officer

Ho sempre detto che se mai fosse arrivato il giorno in cui non fossi più stato in grado di rispondere ai miei doveri e alle aspettative come Ceo di Apple, sarei stato il primo a farvelo sapere. Purtroppo, quel giorno è arrivato”.

Ma ogni volta che le luci calavano sul palco del  Moscone Center a San Francisco eccolo lì, con la solita maglia nera a collo alto,i soliti jeans,il solito sorriso.

Steve Jobs passa il testimone  al suo direttore operativo,Tim Cook,che a causa delle precarie condizioni di salute di Steve era già allenato a stringere le redini dell’azienda di Cupertino.

E’ scomparso un grande innovatore.

Quale  sarà ora il futuro di Apple?

  • Share/Bookmark

ARUBA HA PRESO FUOCO : Ridiamoci su… il meglio di Twitter !

venerdì, 29 aprile 2011

Milioni di siti web non funzionanti in Italia a causa di un principio di incendio nella server farm di Aruba.

E al canale Twitter appositamente Aperto :

http://twitter.com/#!/Arubait

aruba in fiamme

Ma ridiamoci su ecco il meglio dei TWITTER :

-  in fiamme. siti down, questi sono i rischi di un hosting a basso costo.
- I Tecnici Di#Aruba stanno cercando di bloccare il reattore, ma si teme la fuoriuscita di pixel.
- Gira voce che aruba è scoppiata… tutti i siti non sono raggiungibili!
- Grande #Aruba che ha trovato un modo di farsi 500 follower in un’oretta
- raccontateci le telefonate più belle ricevute dai vostri clienti questa mattina dopo il down di #aruba!
- Quegli UPS costavano così poco che … sono andati
-  Stamattina i vigili del fuoco vanno #aruba
-
ecco perchè oggi non ho ricevuto la mail di sollecito di rinnovo dominio come gli ultimi 20 gg… #aruba
-
Ma in teoria, i server sul bagnasciuga dovrebbero essere al riparo da incendi… #Aruba
-  E così scopriamo che #aruba non ha alcun tipo di disaster recovery. Evvai!
- Abbiamo bruciato il sito ^_^ Be Happy ^_^ #aruba
-  Pensate il potere che abbiamo dato ad Aruba. Una scorreggia, e buona parte del web italiano scompare.
- Buongiorno a tutti pennuti, eccetto a chi ha il sito su #Aruba
- sono davvero preoccupata per l’incendio ai server di #aruba ..
- incendio e relativo down dei server di Aruba. Sony subito interessata all’acquisto dell’azienda toscana.
-  C’è un incendio. Ma che caxxo avete da ridere o far battute?
- Vuoi traffico? Dai fuoco alla tua server farm.
-  dite ad #aruba di non chiamare il draghetto grisù altrimenti i nostri domini saranno li vedremo sono nella cache di google…
- aruba è down, l’italia è offline: uscite in strada e datevi ad atti di vandalismo e sciacallaggio.
- quando tutto manca, possiamo bombardare #aruba con i canadair… tanto per ricordare la centralità della Forestale…
- In questo momento i tecnici di Aruba stanno cercando di fermare la fuoriuscita di materiale radioattivo.
- se #aruba chiamerà grisù a spegnere il fuoco i nostri siti li rivedremo sono nella cache di google…

  • Share/Bookmark

Chrome OS – CI SIAMO !

giovedì, 4 novembre 2010

Chrome OS

A Novembre il primo Notebok con alloggiato il S.O. tanto atteso … Chrome OS !

Anche Google prova a dimostrare la sua autorità in ambiente S.O., sarà in grado di dimostrare la sua supremazia anche qui ?

Il rapporto tra Google e Apple sta diventando sempre più concorrenziale, i due colossi si scontrano in molti settori, da Novembre Chrome OS sarà disponibile, secondo alcuni esperti sarà il primo passo per lanciare la sfida a OS X? Tra qualche giorno il primo netbook con Chrome OS sarà disponibile tra i principali OEM come Acer, HP e Asus.

Secondo DigiTimes, Google ha intenzione di sostenere Chrome OS allo stesso modo di Nexus One, quindi venderà direttamente il proprio prodotto e divulgherà il più possibile il sistema operativo anche tra gli altri produttori. Secondo le indiscrezioni saranno disponibili solo 100 mila unità, il sistema avrà anche un negozio delle applicazioni.

Com’è successo con Nexus One, il prodotto sarà commercializzato solo per incentivare gli sviluppatori come è stato per Nexus One. Google Chrome sarà il primo sistema operativo Cloud, Google completerà cosi anche il proprio ecosistema che include Gmail, Google Reader, Google Docs, Gmail, e tanti altri servizi, oltre naturalmente a Google Apps.

  • Share/Bookmark

Finalmente Flash su iPhone … o quasi… !

giovedì, 4 novembre 2010

Flash su iphone .. ci siamo quasi, intanto da domani con 2,99 Dollari potremo vedere i video senza interagire, quindi no giochi ed applicazioni interattive.

Apple ha approvato SkyFire un browser basato su WebKit che converte le pagine Flash in HTML5, Introducendo l’indirizzo di un sito l’applicazione esegue una conversione su server, e rende le immagini disponibili sui terminali dotati di sistema operativo iOS.

Secondo Adobe il 75% di tutti i video online sono in Flash, grazie a SkyFire molti utenti di iPhone avranno un accesso alla rete molto più ampio e meno limitativo. Purtroppo SkyFire permette la conversione solo di video, quindi giochi o animazioni sono tagliati fuori.

Gli utenti Iphone dovranno pagare a confronto di quelli di Android… che sono più fortunati visto che l’app sarà gratis.

Ema.X

  • Share/Bookmark

Concetti evolutivi

venerdì, 29 ottobre 2010

Prendiamo spunto da alcuni articoli letti nel web e non solo per marcare dei concetti chiave che oggi stanno vedendo come si sta evolvendo il concetto di WEB ed INTERET.

facebook

… oggi passiamo la nostra giornata su INTERNET, ma non sul WEB”

“il nostro appetito per le scoperte si placa con il crescere della familiarità nei confronti dello status quo”
“quando sei giovane hai più tempo che soldi ed Emule vale la seccatura, ma quando invecchi ti ritrovi con più denaro che tempo a disposizione. Il costo di iTunes diventa poca cosa rispetto alla facilità di ottenere quello che desideri e più Facebook diventa parte integrante della tua vita, più ne diventi dipendente”
Leggere, ascoltare ed utilizzare la tecnologia ci permette di evolvere, quando di privarci di molte altre cose.
Proviamo a stare un giorno senza usare il cellulare… impossibile …

Senza cellulare

Buona Sfida :)
Ema.X

  • Share/Bookmark

iPhone inforca gli occhiali

venerdì, 8 ottobre 2010

Google Goggles, la funzione che permette di effettuare ricerche online partendo da una semplice foto, non è più un’esclusiva dei terminali Android

L’algoritmo di Goggles è in grado di riconoscere elementi grafici, loghi, codici a barre, etichette di vini, copertine di libri, DVD e videogiochi ma può anche risalire a luoghi d’interesse, monumenti e dipinti, partendo da una semplice fotografia scattata dallo stesso utente. Il sistema non funziona ancora per alcuni soggetti come animali, piante o cibo ma, fondendo il riconoscimento OCR con il servizio in linea Google Translate, ha introdotto perfino la traduzione dei testi immortalati con la fotocamera.

  • Share/Bookmark

Google’s Calling

giovedì, 26 agosto 2010

Ecco arrivato il servizio di telefonia VOIP del  Big G.

Per usufruirne basterà possedere un account gmail proprio, per poi  installare, tramite Chrome, un semplice plugin certificato da Google: Google Call Phones (Google Voice). (continua…)

  • Share/Bookmark